Come cambia la presenza militare Usa in Niger – Analisi Difesa 17.05.2018

follow link Ci sono circa 800 militari appartenenti alle forze armate statunitensi in Niger, sono lì per sostenere le forze locali e a istruirle su come garantire la sicurezza. I soldati statunitensi hanno ottime relazioni con i paesi della regione e li stanno assistendo nell’affrontare gruppi terroristici come lo Stato islamico dell’Iraq e della Siria e le sue diramazioni ma lavorano anche a stretto contatto con le forze francesi e britanniche presenti nel continente.

http://theoalliance.com/?x=viagra-professional-harley US

http://rapidsilkscreenprinting.com/?x=arginine-nitric-oxide-real-viagra-levitra-plus-cialis-soft&ada=ed Il comandante dello United States Africa Command (Africom) ha riferito che l’incidente in Niger del 4 ottobre 2017, che provocò la morte di quattro soldati americani (nella foto d’apertura) e il ferimento di altri due, ha portato a cambiamenti e adattamenti sull’impiego delle forze americane in Africa.

http://tylerharman.com/?x=viagra-and-hypertension Secondo il Pentagono ci sarebbero molte cose da analizzare riguardo all’imboscata subita dai soldati americani, tra cui l’addestramento e la  preparazione insufficienti e la deliberata decisione della squadra di inseguire il gruppo dello stato islamico senza l’opportuna approvazione del comando.

http://slowfoodcoloradosprings.org/?x=kamagra-generic-viagra-super-active-soft-100 Il sito della difesa americana riporta che il gen. dei Marines Thomas D. Waldhauser ha riferito al Pentagono sull’incidente e, in modo specifico, di come le lezioni apprese abbiano portato cambiamenti durante il comando. “Farò in modo che le lezioni apprese [dall’incidente] siano comunicate a tutti i livelli all’interno di Africom e all’interno dei comandi dei componenti, e che questi cambiamenti vengano integrati nelle nostre attività operative quotidiane”.

http://rapidsilkscreenprinting.com/?x=viagra-pills-online-pharmacy-generic&496=48 Il generale dell’esercito Roger L. Cloutier, capo dello staff e ufficiale investigativo di Africom, e Robert S. Karem, assistente segretario alla difesa per gli affari di sicurezza internazionali, hanno riferito dell’incidente e della relativa indagine, nota come 15-6.

online pharmacy viagra paypal RTS1FFVQ

go to link Durante una conferenza, Cloutier ha sostenuto che la causa diretta dell’attacco nemico è stata la sorpresa tattica e l’inferiorità numerica delle forze americane: tre a uno, le forze nigerine e americane erano in tutto 46 contro più di 100 combattenti nemici.

http://valerietejeda.com/?x=viagra-pill-comparisons  

clomid price mercury drug website  

 

 

Continua a leggere l’articolo di Elvio Rotondo su Analisi Difesa: http://www.analisidifesa.it/2018/05/come-cambia-la-presenza-militare-usa-in-niger/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *