L’US Army sposta più a sud il comando delle forze in Corea – Analisi Difesa

L’esercito americano in Corea per 30 anni ha tentato di spostare le sue forze, di stanza a Seul, fuori dalla capitale e dal raggio d’azione dell’artiglieria nordcoreana. Dalla fine della seconda guerra mondiale, i militari sono stati di stanza a Yongsan, importante area di Seul, che in precedenza era stata la base principale dell’esercito imperiale giapponese durante l’occupazione della penisola coreana. Yongsan si trova a soli 50 chilometri dalla zona demilitarizzata che separa le due Coree.

I governi sudcoreani e americani avevano iniziato a discutere del trasferimento della base nel 1987, ma problemi politici e finanziari avevano rallentato il processo, ma circa 10 anni fa, fu scelta, non senza suscitare diverse proteste, Pyeongtaek, cittadina rurale con una popolazione di circa 430.000 abitanti, situata a circa 65 km da Seul.

Il trasferimento iniziato un anno fa con lo spostamento di alcune unità era inizialmente previsto per il 2008, poi slittato al 2012, 2016 e più recentemente per quest’anno. Al momento non ci sono date specifiche sulla conclusione.

Finora, la base sarebbe costata 11 miliardi di dollari e finalmente comincia a prendere forma il progetto che i pianificatori militari avevano previsto decenni fa. Il mese scorso, l’8a Armata avrebbe spostato la propria sede con circa 25.000 persone, compresi i membri delle famiglie dei militari e contractors. Ci sono edifici residenziali, campi sportivi, parchi giochi, un parco acquatico e un campo da golf a 18 buche con le case dei generali che si affacciano sui campi verdi.

A partire dal mese di agosto, nella nuova base ci saranno due scuole elementari, una scuola media e una scuola media superiore. Un nuovo ospedale militare da 68 posti, che sostituisce quello di Yongsan, è ormai prossimo al completamento.

Continua a leggere l’articolo di Elvio Rotondo su Analisi Difesa: http://www.analisidifesa.it/2017/08/gli-usa-spostano-piu-a-sud-il-comando-delle-forze-in-corea/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *