Corea del Sud – nuovo missile intercettore

La Corea del Sud inizierà presto la produzione del suoi nuovi missili intercettori a medio raggio, denominati M-SAM, dopo il superamento del test di capacità operativa. Il missile superficie-aria M-SAM (Cheongung) sarà un elemento centrale del sistema di difesa missilistica coreano (KAMD), attualmente in produzione, sviluppato per contrastare le minacce della Corea del Nord. Secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Yonhap “all’inizio di questo mese, il prototipo del missile M-SAM per intercettare missili balistici sarebbe stato giudicato idoneo per il combattimento, soddisfacendo tutti i requisiti”.

Conosciuto nella sua fase di progetto come Cheolmae 2 (‘Iron Hawk 2’), il sistema Cheongung SAM ha lo scopo di sostituire i MIM-23 HAWK (Homing All the Way Killer) sudcoreani. Il sistema, sviluppato dall’Agenzia per lo sviluppo della difesa in collaborazione con imprese sudcoreane come la LIG Nex1, è stato progettato per abbattere gli obiettivi ad un’altitudine di 15-20 km. Il Cheongung e i missili americani Patriot Advanced Capability-3 (PAC-3) sono componenti chiave della strategia difensiva della Corea del Sud per proteggere il paese dalle minacce missilistiche provenienti dal Nord.

Il termine per lo sviluppo del M-SAM, variante del missile guidato anti-aereo, Cheongung, era stato originariamente previsto per agosto ma è stato concluso due mesi prima. Il missile è progettato per intercettare missili in arrivo ad un’altitudine di 20-40 chilometri.

Il programma di acquisizione di difesa prevede di produrre missili M-SAM a partire dalla fine di quest’anno con l’obiettivo di schierarli nel 2019. La Corea del Sud dovrebbe riuscire ad avere lo scudo missilistico, KAMD, pienamente operativo nel 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *