Carri armati e obici americani in Germania per l’Operazione “Atlantic Resolve”

Carri armati americani, obici e altri equipaggiamenti militari sono arrivati in Germania come parte di una missione per tranquillizzare gli alleati dell’est Europa contro un’eventuale aggressione russa. Il carico sarà trasferito in Europa orientale nelle prossime settimane.

Il sito del Dipartimento di Difesa USA riporta che gli Stati Uniti continuano a dimostrare un costante impegno nel sostenere la sicurezza collettiva attraverso una serie di azioni volte a rassicurare gli alleati e i partner della NATO nel garantire una pace duratura e la stabilità nella regione in seguito all’intervento della Russia in Ucraina.

L’arrivo di truppe ed equipaggiamenti dei Combat Team della 3^ Brigata Corazzata (ABCT), della 4^ divisione di fanteria, di Fort Carson, Colorado, segna l’inizio della presenza di una rotazione di truppe americane ed equipaggiamenti ABCT.

Le navi hanno iniziato le operazioni di scarico del materiale nel porto settentrionale di Bremerhaven il 6 gennaio, segnando così l’inizio del dispiegamento di una terza brigata di combattimento degli Stati Uniti in Europa. Dalla Germania, le centinaia di camion e carri armati saranno trasportati via ferrovia e su strada verso l’Europa orientale.

Nel corso delle prossime due settimane, circa 4.000 soldati raggiungeranno la Polonia, prima del dispiegamento nei sette paesi alleati della NATO – dall’Estonia alla Bulgaria. Un’unità del quartier generale sarà di stanza in Germania per organizzare la logistica.

L’Assistente del Segretario alla Difesa per il Public Affairs, Peter Cook ha detto che “questo sforzo fa parte dell’European Reassurance Initiative per mantenere in modo persistente, la presenza a rotazione di forze di aria, terra, e marittime in Europa centrale e orientale”. La spedizione include 87 carri armati, 144 veicoli da combattimento Bradley e obici semoventi. La missione della NATO prevede una presenza continua di una brigata di combattimento corazzato americano in Europa, con le unità che verranno sostituite da team freschi ogni nove mesi. Inoltre, anche Germania, Canada e Gran Bretagna stanno inviando battaglioni di truppe per l’Estonia, la Lettonia e la Lituania.

La Russia ha criticato l’operazione che vede come un aggressivo build-up occidentale nella regione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *