“ Heart of Asia Conference”: Kabul rafforza i rapporti con India e Iran – @ Analisi Difesa

La “ Heart of Asia Conference”, arrivata alla sesta edizione, è un’iniziativa lanciata nel 2011, a Istanbul, con l’obiettivo primario di garantire la pace e la sicurezza in Afghanistan, favorire la cooperazione tra l’Afghanistan e i suoi vicini per affrontare la sfida comune del terrorismo, nonché per promuovere l’integrazione regionale. I paesi membri partecipanti sono: Azerbaijan, Cina, India, Iran, Kazakistan, Kirghizistan, Pakistan, Russia, Arabia Saudita, Tagikistan, Turchia, Turkmenistan ed Emirati Arabi Uniti. Questa iniziativa è supportata anche da altri paesi, tra cui Stati Uniti e Unione europea.

Quest’anno, la conferenza si è svolta, dal 3 al 4 dicembre, nella città settentrionale indiana di Amritsar, nel corso della quale sono state rilasciate alcune dichiarazioni, anche molto forti, come quella del presidente afghano, Ashraf Ghani: “l’insurrezione dei talebani in Afghanistan non sarebbe durata senza il sostegno del Pakistan”. Ghani ha chiesto anche l’istituzione di un fondo per combattere l’estremismo.
Il Presidente afghano ha lanciato una dura accusa al Pakistan. Le relazioni tra i due paesi sono state messe a dura prova a causa dell’aumento degli attacchi dei militanti talebani. Ghani ha sottolineato che, nel corso dello scorso anno, il suo paese ha subito, a causa di questi attacchi, il più alto numero di vittime civili e militari, definendo il fatto come “inaccettabile”.

Nel suo intervento alla conferenza, un alto funzionario del ministero degli esteri del Pakistan, Sartaj Aziz, ha dichiarato che la situazione della sicurezza in Afghanistan è complessa ed è “semplicistico” biasimare un paese per la recente ondata di violenza. Aziz ha chiesto “una visione oggettiva e globale.”

Il primo ministro indiano Narendra Modi, ha evidenziato le sue preoccupazioni per il supporto che il terrorismo riceve nella regione senza menzionare direttamente il Pakistan, ma ha chiesto un’azione risoluta per combattere, non solo contro le forze del terrorismo, ma anche contro coloro che lo sostengono, riparano, addestrano e finanziano. Ha concluso sottolineando che la violenza terroristica mette in pericolo non solo l’Afghanistan, ma l’intera regione.

..Continua a leggere l’articolo di Elvio Rotondo su Analisi Difesa: http://www.analisidifesa.it/2016/12/heart-of-asia-conference-kabul-rafforza-i-rapporti-con-india-e-iran/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *