In via di completamento la terza tratta della rete ferroviaria Khawf – Herat tra Iran e Afghanistan

Il Ministero dello sviluppo urbano dell’Afghanistan ha annunciato che la terza fase della rete ferroviaria Khawf – Herat sarà completata entro la fine di questa settimana. La terza fase della linea ferroviaria, lunga 62 km, collega l’Iran con il distretto di Ghorian, nella provincia afghana di Herat, con il sostegno finanziario del governo iraniano.

Funzionari iraniani avevano precedentemente annunciato che il costo per la costruzione della terza tratta del progetto sarebbe stato di 50 milioni di dollari. La prima e la seconda tratta della ferrovia sono su territorio iraniano e sono state in gran parte finanziate dal governo iraniano. Il cantiere della ferrovia era stato suddiviso in 4 tratte, due in ciascun paese. Secondo il Ministero dello Sviluppo Urbano afghano, la quarta fase del progetto (che collega il distretto di Ghorian con Herat City) sarà finanziato dalla Italia. Secondo alcuni studi la quarta fase avrà un costo totale di 90 milioni di dollari.

Partendo da Khwaf, in Iran, la ferrovia di 191 km attraverserà Ghoriyan e Zinda Jan e continuerà fino all’area vicina all’aeroporto di Herat. La ferrovia collegherà l’Iran ai paesi dell’Asia centrale e consentirà ai commercianti afghani di poter valersi di altri mercati per le importazioni e le esportazioni. La linea ferroviaria rivoluzionerà la condizione economica dell’Afghanistan aprirà le porte al commercio fornendo l’accesso alla rete ferroviaria Turchia-Europa e ai porti iraniani del Golfo Persico.

Gli esperti ritengono che la linea ferroviaria rafforzerà i legami tra Afghanistan e Iran e si rivelerà di vitale importanza per la sicurezza regionale. Questa è la seconda rete ferroviaria dopo il tratto Mazar-i-Sharif – Hairatan (al confine con l’Uzbekistan), costruzione finanziata dalla Banca per lo Sviluppo Asiatico. I lavori sulla rete ferroviaria Khwaf-Herat sono iniziati nel 2007, ma hanno subito molti ritardi.

Il collegamento ferroviario è importante anche per l’India, che necessita di un percorso per trasportare il ferro estratto dalla miniera di Hajigak in Afghanistan centrale, senza passare per il territorio pakistano, e per accedere ai mercati dell’Asia centrale.

L’obiettivo principale del progetto è comunque cercare di favorire lo sviluppo sociale ed economico, sostenere la crescita dell’imprenditoria lo­cale e creare nuove opportunità per gli afghani. Oltre ad altri progetti, l’Italia è impegnata anche nell’ammodernamento dell’aeroporto di Herat, struttura di connessione fondamentale per la regione occidentale, necessaria per il trasporto intermodale (tra ferrovia, gomma e cargo) che grazie alla realizzazione del by-pass di Herat metterà in comunicazione le ferrovie dell’Iran con l’area industriale e il centro cargo dell’aeroporto

 

Elvio Rotondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *