La Corea del Nord festeggia il 68° anniversario della fondazione del paese con il quinto test nucleare

In concomitanza delle celebrazioni del 68° anniversario della fondazione della Corea del Nord, Pyongyang ha effettuato il suo quinto test nucleare, a soli otto mesi dal test di una piccola bomba all’idrogeno (i coreani del nord riferivano del test con successo, ma gli esperti internazionali erano molto dubbiosi vista l’intensità contenuta della detonazione). La Corea del Nord ha spesso usato le date di rilevanza nazionale come un’opportunità per una dimostrazione di forza militare.

Gli analisti dicono che il test di oggi dimostrerebbe la determinazione ostinata di Pyongyang, malgrado le sanzioni, di creare armi nucleari più piccole e più leggere da poter collocare sui futuri missili in grado di colpire gli Stati Uniti. Secondo i militari sudcoreani il test ha prodotto l’esplosione più grande di sempre, circa il doppio del test precedente. Secondo quanto riporta la BBC, il test è stato rilevato come un terremoto di magnitudo 5,3 nel nord-est della Corea del Nord, vicino al sito sotterraneo per i test nucleari di Punggye-ri.

Di seguito alcuni degli eventi significativi relativi ai test nucleari effettuati e ai programmi missilistici della Corea del Nord nel 2016:

  • Il 6 gennaio la Corea del Nord effettua il quarto test nucleare riferendo di aver testato con successo una bomba a idrogeno “miniaturizzata”. Molti sono gli scettici che si tratti veramente di una bomba H.
  • 7 febbraio: La Corea del Nord lancia un razzo a lungo raggio.
  • 9 marzo: i media statali nordcoreani pubblicizzano le foto di un presunto mock-up di una parte fondamentale della testata nucleare. Il leader nordcoreano Kim Jong Un sostiene che il paese ha sviluppato bombe atomiche miniaturizzate che possono essere collocate su missili.
  • 18 Marzo: la Corea del Nord, per la prima volta dal 2014, lancia un missile a medio raggio “Rodong”, che vola per circa 800 chilometri.
  • 23 Aprile: la Corea del Nord lancia un missile balistico da un sottomarino e riferisce che il lancio era finalizzato al miglioramento delle tecnologie relative alle testate nucleari. Funzionari della difesa della Corea del Sud riferiscono che il missile ha viaggiato per circa 30 km.
  • 22 giugno: Gli Stati Uniti e la Corea del Sud riferiscono che la Corea del Nord ha lanciato due sospetti missili “Musudan”, che potrebbero un giorno essere in grado di raggiungere le basi militari degli Stati Uniti in Asia. La Corea del Nord sostiene poi il successo di un test di un nuovo potente missile a medio raggio, che avrebbe raggiunto un’altezza massima di 1.400 chilometri per poi raggiungere l’obiettivo a 400 chilometri di distanza.
  • 19 Luglio: la Corea del Nord lancia tre missili balistici, due di loro volano per circa 500 – 600 chilometri. La Corea del Nord dice che i test-del lancio sono parte di un piano di simulazione di attacco a porti e aeroporti della Corea del Sud.
  • 3 agosto: i funzionari sudcoreani e giapponesi dicono che la Corea del Nord ha lanciato un missile balistico a medio raggio, probabilmente un “Rodong”, che ha volato per circa 1.000 chilometri per poi cadere nei pressi delle acque territoriali del Giappone.
  • 24 agosto: la Corea del Nord lancia un missile balistico da un sottomarino che vola per 500 chilometri prima di raggiungere le acque nelle vicinanze del Giappone. Il leader nordcoreano, Kim, dice che il paese ha acquisito una capacità di attacco nucleare capace di colpire gli Stati Uniti.
  • 5 settembre: la Corea del Nord lancia tre missili a medio raggio che hanno viaggiato per circa 1.000 chilometri prima di raggiungere le acque nelle vicinanze del Giappone.
  • 9 settembre: La Corea del Nord riferisce di aver condotto con successo il suo quinto test nucleare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *