Yemen – Altri attacchi contro Al Qaeda

Il Comando Centrale americano (Centcom) ha annunciato, il 6 maggio, che l’esercito degli Stati Uniti ha condotto, nelle ultime settimane, quattro attacchi aerei nell’ambito della campagna antiterrorismo contro l’organizzazione terroristica AQAP (al-Qaida in the Arabian Peninsula) nello Yemen, uccidendo 10 elementi e ferendone uno.

Due sono rimasti uccisi Il 23 aprile durante un attacco nella penisola arabica nel Governatorato centro-occidentale di Marib, altri due Il 25 aprile, nel Governatorato di Abyan, nei pressi della costa meridionale dello Yemen. Nello stesso giorno, in un secondo attacco, ne sono stati uccisi due nelle vicinanze di Azzan nel centro di Yemen.

Il 28 aprile, sono stati uccisi quattro elementi mentre uno è stato ferito in un attacco nella provincia centrale di Shabwah.

Il Comando Centrale americano fa sapere che Al-Qaeda nella penisola araba (AQAP) rimane una minaccia significativa per la regione, per gli Stati Uniti e per altri paesi. “La presenza di Al-Qaeda ha un effetto destabilizzante nello Yemen, sfruttano il caos nel paese e utilizzano rifugi sicuri per pianificare futuri attacchi contro i nostri alleati e gli Stati Uniti”.

Centcom riferisce inoltre che gli Stati Uniti non desisteranno nella missione di degradare, disgregare e distruggere Al Qaeda. “Rimaniamo impegnati a sconfiggere al-Qaeda nella penisola arabica e a negargli un rifugio sicuro.”

Centcom inoltre riferisce che gli attacchi degli Stati Uniti nello Yemen continuano a ridurre la presenza di “AQAP” nella regione.

Il 22 marzo scorso nello Yemen un altro attacco aereo americano aveva ucciso decine di combattenti in un campo di addestramento di montagna, utilizzato dagli affiliati yemeniti di Al Qaeda. Il campo di addestramento era un ex base militare rilevata da militanti di al-Qaeda nella parte sud-ovest della contea vicino la città di Mukalla, roccaforte di “Al Qaeda nella Penisola Arabica” (AQAP). Nello stesso mese, gli americani avevano colpito anche un campo di addestramento in Somalia del gruppo islamico Al-Shabab, uccidendo circa 150 militanti.

La guerra della coalizione contro gli Houthi sembra aver fornito un ambiente adatto per l’espansione di al Qaeda nel paese, rendendola ancora più pericolosa. Secondo un alto funzionario del governo yemenita, il ritiro delle unità dell’esercito governativo dalle loro basi nel sud, ha permesso al gruppo di acquisire “grandi quantità di armi sofisticate e avanzate, tra cui missili spalleggiabili e veicoli armati”.

 

Elvio Rotondo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *