Accordo tra Giappone e Filippine sulla difesa

Il Giappone firmerà un accordo con le Filippine che consentirà a Tokyo di fornire materiale militare a Manila, è il primo patto del genere della difesa giapponese nella regione. Entrambi si sono detti preoccupati per la politica della Cina nell’area, come la costruzione dell’isola e altri atti aggressivi nelle acque contese.

Secondo quanto riportato dal Washington Times, il Segretario alla Difesa filippino, Voltaire Gazmin avrebbe dichiarato, lo scorso sabato, che l’accordo che verrò firmato oggi 29 febbraio, con l’ambasciatore giapponese a Manila, non è diretto contro alcun paese, ma ha lo scopo di colmare le lacune delle sotto finanziate capacità militari filippine.

Gazmin ha riferito inoltre che i vicini asiatici hanno apertamente portato a nuovi livelli la sicurezza e i legami politici, incluse le esercitazioni congiunte di ricerca e soccorso della marina, tenutesi lo scorso anno, vicino al conteso Mar Cinese Meridionale, fatto che ha irritato Pechino.

Il Presidente filippino, Benigno Aquino III, e il Primo Ministro giapponese, Shinzo Abe, si sono scambiati le visite promettendo di intensificare la cooperazione di difesa, alimentando voci su un possibile patto di sicurezza che permetterà alle forze giapponesi di tenere nelle Filippine esercitazioni più grandi con le truppe filippine. Le Filippine hanno firmato tali accordi con gli Stati Uniti.

Come riportato dal Nodo di Gordio su ilGiornale.it, lo scorso anno è stato firmato dal Presidente USA, Barack Obama, e dal presidente filippino Benigno Aquino III un accordo sulla difesa, per la durata di 10 anni, Enhanced Defense Cooperation Agreement (EDCA) che permette agli Stati Uniti una maggiore presenza di truppe statunitensi nel Paese del Sud-est asiatico.

L’anno scorso, il parlamento giapponese ha approvato la controversa legislazione che rafforza il ruolo dei militari del paese allentando i vincoli del post seconda guerra mondiale, reinterpretando la costituzione giapponese e cambiando radicalmente il modo di utilizzo dell’esercito.

Per la prima volta, dalla fine della seconda guerra mondiale, i militari del Giappone possono ora difendere i propri alleati, anche quando il paese non è sotto attacco e collaborare più strettamente con gli Stati Uniti e altre nazioni.

Un alto funzionario della sicurezza delle Filippine ha detto che il nuovo patto aprirà la strada al Giappone per la vendita di nuovo hardware militare, il trasferimento di tecnologie della difesa, la donazione di attrezzature militari usate e addestramento delle forze filippine.

Il Presidente filippino Benigno Aquino, negli ultimi mesi, ha cercato di modernizzare le forze armate con l’acquisizione di nuove navi e aeromobili e ha proposto al Parlamento un aumento di spesa del 25 per cento per la difesa nel prossimo anno, arrivando così ad un record di 25 miliardi di pesos (552 milioni di dollari).

Alle Filippine, tuttavia, sarebbe vietato rivendere o trasferire qualsiasi equipaggiamento militare giapponese a un paese terzo. Il Giappone ha stipulato patti simili con gli Stati Uniti e l’Australia, ma le Filippine sono il primo paese sud-est asiatico ad avere un simile accordo di difesa con Tokyo.

Si tende a rafforzare l’asse anti-cinese in tutta l’area Asia-Pacifico e nel mar cinese meridionale, con il governo filippino che cerca di stringere accordi con diversi paesi per contrastare l’espansionismo cinese nella regione.

 

Elvio Rotondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *